Tel: 0941.91.21.95á
Email: catasto@studiobridge.itá
RETEVISURE -  APPROFONDIMENTI
       15 Giugno 2023                   T. Colica

Differenza tra elaborato planimetrico e planimetria

SERVIZI RETEVISURE:
 
Link Utili:
Contatti
Cookie policy
Privacy Policy
Garanzie clientela
Retevisure.it
Tutti i diritti sono riservati.

Tra gli elaborati grafici catastali riguardanti i fabbricati, i principali sono sicuramente due: la planimetria catastale e l'elaborato planimetrico. Ma cosa differenza i due documenti?

 

Andando per ordine, la prima sostanziale differenza sta nel fatto che la planimetria catastale si riferisce alla singola unitÓ immobiliare, mentre l'elaborato planimetrico rigurda pi¨ subalterni e quindi pi¨ unitÓ immobiliari di una medesima particella.

Torna all'elenco guide

La planimetria catastale Ŕ la rappresentazione grafica degli spazi interni ed esterni di una  singola unitÓ immobiliare e comprende quindi la distribuzione dei vani interni e la presenza di eventuali aree esterne quali terrazze, balconi, portici e corti di pertinenza esclusiva se presenti, senza rappresentare quindi le unitÓ confinanti.

 

L'elaborato planimetrico invece, non rappresenta nel dettaglio la singola unitÓ immobiliare, ma solo il perimetro di pi¨ unitÓ immobiliari (generalmente in scala 1:500 o 1:200), al fine di rappresentare la relazione e l'ubicazione dei vari subalterni componenti una particella, compresa la destinazione delle parti comuni.

 

Insieme all'elaborato planimetrico Ŕ presente l'elenco dei subalterni, ovvero l'elenco delle unitÓ rappresentate nel relativo elaborato.

 

E' importante evidenziare che non tutti i fabbricati sono provvisti dell'elaborato planimetrico. E' il caso delle particelle prive di subalterni o composte da un singolo sub, ove quindi, non essendoci  relazione da rappresentare con altre unitÓ, l'elaborato non Ŕ presente.

 

Altra condizione Ŕ quella di edifici datati e quindi privi di elaborato in quanto tale documento Ŕ stato introdotto con la circolare n. 2 del 20 gennaio 1984 prevedendolo per gli immobili di nuova costruzione e non per quelli antecedenti.

 

La successiva circolare n. 9/T del 26 novembre 2001 ha previsto la presenza anche in caso di denunce di variazione, purchŔ l'elaborato fosse giÓ presente in atti.

 

Per ultima la nota prot. 17471 del 2010 ha di fatto esteso l'obbligo della presenza dell'elaborato anche nei casi in qui la variazione riguardi unitÓ ove l'elaborato non Ŕ presente al momento della variazione.

Cosa viene rappresentato di differente nella planimetria catastale e nell'elaborato?

 

Reperimento planimetria ed elaborato. L'iter Ŕ differente?

E' importante evidenziare che esiste uan sostanziale differenza nel reperimento di questi due documenti catastali.

 

Mentre l'elaborato planimetrico, come per le visure catastali o le visure ipotecarie, pu˛ essere richiesto da chiunque, senza necessitÓ quindi di essere necessariamente proprietari di una delle unitÓ o delegati, la planimetria catastale pu˛ essere richiesta esclusivamente dall'avente diritto o da un soggetto terzo, purchŔ opportunamente delegato dal medesimo.

 

Questo perchŔ la planimetria catastale, rappresentando la graficamente l'interno di un'unitÓ immobiliare, rientra nel trattamento  dal D.Lgs. 196/2003, in materia di rispetto della privacy.

Servizio offerto da:
RETEVISURE
P.iva: 04213270962
Attivo 7 giorni su 7