Servizio offerto da:
STUDIO TECNICO BRIDGE 
P.iva: 04213270962
C.F.:CTTNNN55D08B666J
Tel: 0941.91.21.95 
Email: catasto@studiobridge.it 
RETEVISURE -  APPROFONDIMENTI
       01 Febbraio 2022                T. Colica

Planimetria catastale rasterizzata - di cosa si tratta?

visura
SERVIZI RETEVISURE:

Capita spesso di sentirsi richiedere il reperimento della planimetria rasterizzata della propria unità immobiliare, senza sapere con assoluta certezza di cosa si tratti e soprattutto dove reperire tale documento.

 

La planimetria rasterizzata non è altro che la piantina catastale di un immobile dell'archivio cartaceo, "Scansionata" tramite scanner di immagini ( a colori o in bianco e nero), al fine di renderla disponibile in formato digitale, in modo tale da essere consultabile direttamente  dall'archivio telematico e quindi comodamente online. Si tratta quindi  sempre della planimetria  catastale ufficiali in atti, ma informatizzata.

 

L'agenzia delle entrate, negli ultimi decenni, ha infatti provveduto ad  informatizzare e rasterizzare, tramite i propri uffici, gran parte dell'archivio cartaceo relativo alle planimetrie catastali, in modo tale di snellire le procedure di consultazione e facilitare l'acquisizione di tale documento

 

Vi sono dei casi però in cui la planimetria non sia stata rasterizzata ed è quindi necessario procedere con la richiesta all'Agenzia nazionale delle Entrate, tramite gli uffici competenti o affidandosi ad un tecnico che si occupi delle procedure necessarie per la richiesta. I dati necessari per effettuare la richiesta sono sostanzialmente:

 

- Dati identificativi dell'unità immobiliare (foglio, particella ed eventuale subalterno);

- Dati anagrafici dell'intestatario dell'unità immobiliare.

 

I tempi medi di acquisizione della domanda e dell'effettiva rasterizzazione sono di circa 14 giorni lavorativi.

 

Vi sono però casi particolari, dove la rasterizzazione non è disponibile per la documentazione, ovvero:

 

- planimetria mai redatta e quindi mancante anche dall'archivio cartaceo (si necessita quindi di pratica catastale docfa per "planimetria mancante");

 

- planimetria presente, ma conservata con una qualità cartacea  pessima,  quindi non informatizzabile  in quanto di fatto poco leggibile. Tale situazione comporta la necessità, al fine di rendere disponibile telematicamente la planimetria, di redigere un nuovo elaborato di planimetria catastale( sempre tramite pratica docfa);

 

- planimetria smarrita dall'archivio cartaceo (si necessita quindi di pratica catastale docfa per "planimetria mancante").

 

Non sono da escludere, durante la consultazione delle planimetria in atti, situazioni particolari come planimetrie ugualmente rasterizzate, ma di qualità grafica appena sufficiente ( come il caso di delle vecchie planimetrie catastali redatte ancora su carta millimetrata) o addirittura di  errori, seppur rari nelle procedure di rasterizzazione ed acquisizione da parte degli uffici provinciali, come lo scambio involontario del documento rasterizzato associandolo erroneamente ad altro immobile o il caricamento della medesima planimetria per due differenti immobili.

 

Per fortuna, questi rari casi, possono essere rapidamente risolti dagli uffici provinciali effettuando una semplice richiesta di rettifica catastale e associando quindi le giuste planimetrie correggendo l'errore.

 

 

 

 

SEGUICI SU :
 
app google play
Link Utili:
Contatti
Cookie policy
Privacy Policy

Scarica l'app per android:
Servizio offerto da:
STUDIO TECNICO BRIDGE 
P.iva: 04213270962
C.F.:CTTNNN55D08B666J